Messaggio per il Thinking Day da parte del Comitato Regionale

Carissimi Capi, Lupetti e Coccinelle, Esploratori e Guide, Rover e Scolte!

La “Giornata del Pensiero”, per chi ha scelto di essere Scout, è ogni anno come un tuffo nelle origini del proprio “Eccomi”. Una sorta di pausa, un fermarsi per: dire grazie, rinnovare l’impegno, sentirsi parte. La gratitudine per il dono di un’esistenza, quella del nostro fondatore Lord Baden Powell, che proprio in questo giorno rumoreggiava nel mondo con il suo primo vaggito. Un’esistenza piena e compiuta la sua! Vissuta nella logica del dono e nella ricerca appassionata ed appassionante del “tre volte meglio”. Ma è anche un’occasione per rinnovare l’impegno di esserci…di continuare ad esserci…di riprendere ad esserci come ci siamo sempre stati. Facciamo nostre a tal proposito le parole che Capo Guida e Capo Scout ci hanno scritto nel loro messaggio per questa giornata:”… stiamo vivendo un tempo lungo e complesso che chiede a tutte le Comunità Capi tanta energia
e passione educativa.
Siamo orgogliosi del vostro servizio! Vi ringraziamo per aver risposto “eccomi!” di fronte
a tante difficoltà, per aver attraversato questo tempo insieme ai ragazzi, facendolo diventare
un’esperienza altamente significativa. Lo scautismo è un’esperienza educativa che porta
a superare i propri limiti e a dare un calcio all’impossibile… Quindi, questo è il nostro
tempo!”. Ma questo tempo difficile, ci ha consegnato una verità di fondo: non ci si può salvare da soli. Ed allora la giornata del pensiero è anche l’occasione per ripensarci come appartenenti ad una grande famiglia, sentendoci fratelli tra di noi e con quanti incontriamo sul nostro cammino. Siamo inseriti come Associazione, in un contesto ecclesiale che è in Sinodo e ci sta riproponendo la sfida del “camminare insieme”. Hanno scritto ancora Capo Guida e Capo Scout: “Vi invitiamo con tutta la passione e la convinzione possibili a cercare di non
lasciare indietro nessuno e fare in modo che nessuno si senta solo.
Ogni Gruppo, capi e ragazzi insieme, possa riuscire a essere partecipe della vita del
proprio territorio d’appartenenza. La nostra comunità non è solo il nostro Gruppo ma
il territorio che abitiamo”. Abitare da Scout le realtà concrete nelle quali siamo inseriti ed operiamo, sarà già il nostro modo di vivere “la sidonalità”.
Carissimi,
Vi affidiamo questi pensieri! Vorremo che attraverso di essi, possiate sentire la voglia ed il desiderio di una rinascita nell’impegno e nella bellezza del sentirci “fratelli ed amici di tutti”. Se per un attimo dovessimo sentirli nostri nel cuore, in questa giornata, sarà veramente stata “una buona Giornata del Pensiero 2022”. Ve lo auguriamo…

ll Comitato Regionale

AGESCI Calabria